Eleaml


IL BRIGANTAGGIO

Pubblichiamo copia di un manifesto/avviso della Prefettura di Catanzaro datato 17 novembre 1876 contro il brigantaggio, inviatoci da un amico calabrese residente a Milano.

Rringraziamo l'amico Guido per la copia e per le dettagliate notizie forniteci.

Negli archivi di Stato delle provincie meridionali, giace una notevole quantità di materiale che aspetta solo di essere tolta dalla polvere e dall'oblio.

Ci giunge notizia da Salerno che - nell'archivio di Stato di quella città - si troverebbero interessanti documenti sugli eccidi di Casalduni e Pontelandolfo.

Se ci scrivete in privato vi daremo i riferimenti per una ricerca.

Tornate a trovarci.

web@master

________________________________________________________________________________


Ti informo che sono in possesso di un manifesto/avviso (...copia) della Prefettura di Catanzaro datato 17 novembre 1876 (sic) contro il brigantaggio.


Questo sposta oltre il 1870 l'Insorgenza/Resistenza/Rivolta contro l'Anschluss che le moltitudini dei territori delle due Sicilie opposero contro l'esercito invasore dei Savoia.


Considerando che la provincia di Catanzaro non fu tra le primissime in termini di cosiddetto "brigantaggio", possiamo certamente ipotizzare il fenomeno esteso anche in altre provincie...

La "riproduzione" del manifesto della Prefettura di Catanzaro del 1876.

(se clicchi col tasto destro sull'immagine, puoi scaricare una copia 1300x1600)


manifesto della Prefettura di Catanzaro del 1876

L'ORIGINALE è conservato presso il Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali.
Archivio di Stato di Cosenza Via Miceli, 67 - 87100 Cosenza

 _____________________________________________________________________________


Stralcio dalla autobiografia scritta in carcere da Crocco,

clicca sul tittolo per andare alla pagina che contiene la versione integrale

IL MANOSCRITTO

Le rovine del Brigantaggio dell'anno 1860, nelle province meridionale del Regno d'Italia, Scritto dal Capo Banda, CARMINE DONATELLO CROCCO, recluso nel Bagno penale di S. Stefano.

Signori nell'anno 1867 fui catturato dalla pulizia francese nella Città di Marsifia, mentre io fornito di passaporto dello stato ponteficio, transitava alla volta d'Algeri Città dell'Africa Colonia Francese. Nel medesimo anno dopo molte dispute di gabbinetti, fui da Marsilia trasferito a Roma, qui acchiuse in orride prigione, vi restai sepolto fine al 15 Settembre 1870. Nella quale epica, il Regno d'Italia Sotto il vissillo di Suo Maesta Vittorio Emmanuele, Compi la grand'opra dell'unione di Roma, dibellante l'ultimo avanze di quella nefanta reazione. Il ditronizzato governo di Sua Santità pio nono mi sepellì nella torra della rocca di paliono, dove fui liberato da prossima morte, dai prodi e magnanimi figli della civiltà moderna, ai quali conservo finche vivo, eterna riconoscenza.

Nell'anno 1871 da paliono fui trasferito nella Citta d'Avellino, poi alla Citta di potenza, quivi nell'anno 1872 il dì 15 del mese d'Agosto comparii avante alla Corte d'assia, da cui, per gravità e quantità dei delitti commessi per cieca reazioni, che io senza sapere cosa mi facessi, capitanai rabbiosamente, per 4 anni consicutivo. Il giorno 12 Settembre dello stesso 1872, posto fine alla causa mi trovai reo di 75 uomicidi, e di un Milione, e due centomile Lire di guasti, fra divastazione ingendii ed altri fatti che fanno rabrividire non solo l'onestà, ma pure i malfattorì...


Al mondo tutto, Sarà l'unica causa fatta così enorma, e pure l'unica causa fatta così enorma, e pure l'unica che il delinguente vivo ancora Signori lo confesso da me, ma debbo pure dirvi che senza di me alla testa di una formidabile Banta di due mile e due centi uomini tutti istruito all'arma meglio dei soldati, dedidi alla ferocia dei meridionali, la storia conterebbe fatti sconosciuto ai più barbari della Terra. L'odia della plebba del Regno delle due Sicilie, Sotto alla dominazione borbonica, era terribile contro gli oppressori e degli traditori della patria, quindi le vendette private, spinse la cecità alla vendetta. La Signoria da prima tutti oppressori, poi divisi in due, L'una liberale, L'altra realista, questi, conoscendo il male che loro cadeva sopro, volendo tendari l'ultimo colpo di vendetto aizzava la misera plebba, la quale con faciltà si precipita nelle voragine, terribile sono le sue prime mosse, ma codarda nel sostenere il fine, ed è questa la maldizione avverato sopra la discendenza di Cani. (7 tuoi figli saranno servi dei servi) Guai ai prepotenti se L'uomo conoscesse che la forza sta nelle sue mani, guai agli oppressori se l'uomo conoscesse i suoi derittí e suoi doveri. Nel 1860 il 15 Agosto nella mia provincía Al grido di Viva Vittorio Emmanuele, Viva Garibaldi, Viva L'Italia, Viva L'unita, Viva la fratellanza, chi puole scrivere la gioia di quel popolo nessuno, come nessuno puole credere che dopo pochi mesi questo popolo festevolo, si doveva trucidare a vìcenta, e perche?

Basta una sola parola, L'invidia e le turpitudine di pochi uomini che si facevano chiamare Signori, erano Signori, sono Signori, e saranno sempre Signori, imperocche la cecità del governo il quale faceva passare per le armi le Locertele, e metteva nel suo seno i Serpenti velenosi i quali avuto il pieno loro indente finivano di sterminare le Serpungole, uno dei quali sono io.


Molte volte sono stato pregato da persone assennato, affinche scrivessi la mia Storia, ed io che sempre desiderava d'esporre la volontà dell'animo mio, con quella lealtà proveniente da singere pentimente del male che ho recato ai miei simili, e volendo fare sapere alle future generazione, che io non fui crudele, ne barbaro, poiche L'Italia generalmente parlando non ebbi, non ha e non avrà mai uomini barbari, o crudele, ma questa nobilissima patria ebbi sempre dei vile traditori, pei quali ha sofferto molte dominazione, ma ebbi sempre uomini eroici che dal nullo seppero disputare palmi a palmi la propria terra, ed è l'unica sul globbe che novere sulla storia il vespere di Sicilia, e la rivuluzione di Masaniello è tanti fatti che a me non vanno necessitati scrivergli Giova sapere però, che un popolo che si fa trucidare per il suo sovrano, se non merita lode, è sempre degno di commiserazione. Mi trovo schiavo, sotto il peso della catena, oppresso della miseria, derelitto dagli obbrobrii,

Vecchio ed infermi, non istruiti, e pure se potessi parlare, a mio bellaggio, resterei ai posteri un'istoria, che gioverebbe ai figli della meseria, se non tutto almeno in parte, onde essere cauti. Nelle calamita dei tempi, accorrere pressi gli fautori per poi avere forca e catene... Imperocche chi è nato povere stia pure nella sua povertà, e vedrete che sarai felice più del ricco, chi governo lascia che faccia come gli pare, fa che l'uomo sia onesto e vedrai che il Giudice ha paura di te, non di

Lui; In tutto questo scritto parlerò per voi misiri figli della miseria. Sappiate che per noi nessuno scrittore sprega inchiostro e carta, i nostri malanni, la nostra miseria, gli abusi, l'ingiustizia, che ci fanno, nessuno la scrive, mentre poi sono chiamati sommo scrittori, quelli che ci dispreggiano chiamandoci plebaglia, Miserabile, vermi, ed altri dispreggi che ci fanni comparire tanti schifosi animale, portano poi all'infenito le drute, le ruffiane, i traditori, ed altri che non torno dirgli, non pensate a questi lasciateli chiachierare, essi hanno le loro spine, la poca felicità sta nella onesta ed è questo quello che io mi dedica farvi sapere, onde non cadere nella trapola dove sono io ed altri per colpa di scellerati ed infami uomini...

 

_____________________________________________________________________________

 

Torna su

Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.