Eleaml

Benvenuti su Eleaml!

FORA.. Rivista elettronica fondata nel 2000 da Nicola Zitara FORA... Rivista elettronica fondata nel 2000 da Nicola Zitara


Questo sito non utilizza alcun tipo di cookie.




La rivoluzione napoletana del 1820-1821 tra "nazione napoletana" e "global liberalism"

Presentiamo agli amici e ai naviganti una serie di opere inerenti direttamente o indirettamente la rivoluzione del 1820 1821 - passato alla storia anche come "nonimestre costituzionale a Napoli". Da alcune di esse non si puo' prescindere per una ricostruzione degli eventi che caratterizzarono periodo storico breve ma rilevante dal punto di vista del ricordo diffuso che lascio' tra le elites meridionali. Vero che tali elites peccarono di astrattismo e non riuscirono ad offrire alle popolazioni meridionali un progetto credibile ma e' pur vero che guardando a quegli avvenimenti col dovuto distacco occorre constatare che il Regno si collocava in una area geopolitica rilevante per gli interessi delle potenze principali dell'epoca, anche di quelle "costituzionali" quali erano Francia e Inghilterra. >> Zenone di Elea - 12 Agosto 2020


Legislazione d'emergenza o emergenza della legislazione?

brevi considerazioni sulla confusione normativa ai tempi del "coronavirus"

La diffusione rapida e vasta del contagio da corona virus (CO.VID.-19) ha determinato l'instaurarsi di una prolungata situazione di emergenza,  dichiarata dal Consiglio dei Ministri con la Delibera del 31 gennaio 2020 (pubblicata nella G.U. del 1° febbraio 2020 n. 26) con la quale, preso atto a sua volta della dichiarazione  di  emergenza  internazionale  di  salute pubblica (PHEIC) dell'Organizzazione  mondiale della sanita' del giorno precedente, viene predisposto il quadro normativo necessario a  consentire l'emanazione delle ordinanze della Protezione Civile dirette a contenere il rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. >> Antonio Orlando - 2 Maggio 2020


CATECHISMO MORALE, E POLITICO SECONDO LA COSTITUZIONE DI SICILIA DEL 1812

Era necessario fra noi un libro di retto ad istruire il popolo su i principi del governo, su i propri doveri, e specialmente sulla libera Costituzione, che grazie al paterno animo del Principe, che ci governa, al vostro patrio zelo ed alla potente mediazione dell'Inghilterra nostra fedele alleata, noi abbia mo adottato, e non essendo sin ora uscita alla luce verun'opera, che a tali oggetti mirasse, mi sono animato ad intraprender questa fatica, e formare un Catechismo costituzionale"¦. > > GIO. BATTISTA NICOLOSI (1814 - Palermo) *** eleaml.org -Agosto 2020

THE ADDRESS OF THE SICILIANS TO THE  British Nation

THESicilians, ever since the twelfth century, the period at whichtheir island was conquered by the Normans, had enjoyed aConstitution of their own. The form of its government was whollydifferent from the Kingdom of Naples, and that form was alwayspreserved, even after the two crowns became united under oneSovereign. Time,which alters things, sensibly narrowed that Constitution so much,that the people at last enjoyed no other prerogative than that ofvoting the subsidies to the King, in Parliament, and of nominatingtwelve of that Body to administer the revenues of the State. > > (1817 - London) *** eleaml.org -Agosto 2020


AL PARLAMENTO NAZIONALE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE

II primo dovere delle Deputazioni Provinciali e' quello di promuovere la prosperita' delle Provincie, allontanando gli ostacoli, che si frappongono. Animati da questo sacro principio due membri della Deputazione di Basilicata, che trovansi nella Capitale, per interesse della stessa, vi sottomettono alcune idee per veder migliorata la sorte sua. Degnatevi della vostra attenzione, e secondate da saggi i voti, che occupano i cuori di un gran numero di Cittadini.  > > (1820 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


ANALISI SOPRA UN ARTICOLO DELLA MINERVA NAPOLITANA EPISTOLA DELL'AUTORE DE' PIFFARI DI MONTAGNA

CARO AMICO E pur dunque a Voi saltato positivamente in capo il desiderio di annojarmi, e tormentarmi unitamente? Bel compenso invero! Io vi mando un esemplare dei miei Piffari di Montagna, e Voi mi ricompensate col Quaderno 8. e della Minerva Napoletana dei 2o. Ottobre del 182o. Voi pur sapete quanto io mi sia nemico di gazzette e di tutti quei fogli periodici, che vengono particolarmente scritti da persone prevenute da un partito. Che anzi vi assicuro non comprendere, come Voi che il buon senso unite allo spirito, possiate perdere in una tal lettura il vostro tempo.   > > (Novembre 1820 - Parma) *** eleaml.org -Agosto 2020


ATTO DI ACCUSA A CARICO DEGLI ASSENTI

IL REGIO PROCURATOR GENERALE ESPONE ALLA GRAN CORTE SPECIALE DELEGATA QUANTO SIEGUE 1.° Dopo una guerra generale che gli straordinari avvenimenti della rivoluzione richiamarono su quasi tutti i Popoli per venticinque anni interi, il giorno fausto di una pace consolatrice risplende in fine sull'agitata Europa. I mali di ogni genere gravitati per un periodo sì lungo sulle nazioni vedono il loro termine. Il flagello della guerra, e dell'anarchia che avevano distrutto nove milioni di uomini cessano felicemente. L'ordine rinasce dalle ruine. I legami sociali si ristabiliscono sulle basi dell'indipendenza, sicurezza, e tranquillita' di ogni nazione. > > ( 4 Dicembre 1822 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


CATECHISMO POLITICO PER LA NAZIONE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE

ALLA  NAZIONE NAPOLITANA - Virtuosi Napolitani che siete oggi l'oggetto della generale ammirazione e stupore dell'Europa, e forse anche di tutto il Mondo, porgete per un momento l'orecchio a me che penetrato dalla più alta stima verso di voi son per parlarvi del vostro vero interesse. Quantunque volte io vado meco stesso ripensando all'opera grande e sorprendente, che voi avete dianzi eseguita con tanta maturita' di consiglio, resto talmente compresso dalla meraviglia, che non posso non riconoscerci la mano di quel Dio, che bene spesso, con un picciol numero di Ebrei opero' le cose, le piu'grandi e stupende, fiaccando l'orgoglio del piu'potenti Monarchi, e riducendo a nulla le numerose armate delle piu'grandi Nazioni.  > > ( 1820 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


CHIACCHIARIATA CHE SE FANNO PE TRE MATINE LU CUORPO DE NAPOLE  E LU SEBETO

Corpo de Nap... Sebe' buonoiuorno:

Sebeto..... Oh si compà!.... bonni e salute..

Che baje facendo a chess'ora da she bie?

C. di N..... Mo te conto..... Steva a lu mmeglio de lu suonno ncoppa a chillo pojariello mio; quanto cierti strille a. luntano m' hanno scetato matino matino. Nnitto nfatto tutti i guagliuni miei, si manco tenevano a tarantula, so zumpate nterra, e se so puoste a correre a via i Tuleto. Cridimi, l'aggio visti, e nu l'aggio visti chiù. Dubetanno de quaccosa, me so susuto io pure e le so curzo appriesso; e pe chesso i baco truvanno ntutti i cunti.  > > ( 1820 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


LA QUARTA CHIACCHIARIATA NFRA LO CUORPO DE NAPOLE E LO SEBETO

C. de N. Auh Compa' Sebe', pecche' no beniste Dommeneca a lu mmito pe lu ngnadiamiento de Figliema Ceccia? Ne avarriss'avuto sfizio addavero.

Seb. Lo creo; e avarria voluto proprio vere' la Commarella mia mpupazzata, e scornosella, comme so' tutte le sposelle che se nguadiano; Le bbide co ll'uocchie a pisciariello, e lo core redente. Ma tu lo ssaie, ca io tenette forastiere; Lo sì Crespino de Venezia raccommannatome da lo Fratone mio lo Tevero da Romma. > > ( GIOVANNI FIORILLI - 1820 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


CHIACCHIARIATA SECONNA DE LO CUORPO DE NAPOLE - Descurso tra lu Cuorpo de Napole e lo Giagante dinto a li studi

C. N. Buono journo... gue' compà... si tm... compa' Giagante?...

G. O ben venuto, corpo di Napoli: si, sono io, E che vai facendo qui?

C. N. Io vago cammenanno pe priezza,. e buje che facite a' lloco? Tu stave nnante palazzo... ahu... me t'allecordo con tanto no coppolone de la repubbeca franzesa, comm'a i peccerille guagliune mieje cotanta coppolicchie, e mmo' comme te truove alloco?,,

G. Tu gia' sai.... > > (1820 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


CHIACCHIAREATA SECONNA NFRA LO CUORPO DE NAPOLE E LO SEBETO

A di 16. Agosto 182o

C. de N. Bonnì, Compa' Sebe': Eccome cca' de retuorno tunno, frisco, e allerio cchiu'de chello nche me partette da Napole.

Seb. Bemmenuto Comparone mio. E comme? me dice, ca te ne vaie pe tre o quatto juorne, e po' te sì stato fora cchiu'no mese? Addo' te sì nfrociuto tutto sto' tiempo?

C. de N. E chi te lo bbo' contà? Aggio gerato, la Lecca, e la Mecca comme se dice. Aggio mesurato a parmo a parmo tutte le Provencie de lo Regno; e mme so' addecriato trovanno pe tutto ma coietutene, no ntosiasmo, n'aunione ch'e' no Paraviso. Pe le Strade, a le Chiazze, e la Campagna, int'a le Taverne, mmiez'a le Dhiesie auto non siente ca benneziune Costetozione...

Seb. Addonca npprovencia non nce so' partite, non nce so' mbruoglie. > > (1820 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


LA TERZA CHIACCHIARIATA NFRA LO CUORPO DE NAPOLE E LO SEBETO

A di 27. Agosto 182o

C. de N. Compa' Sebe'......

Seb. Che d'e'? Che buo'? Fatte d'arasso, ca me tigne: Si no bello Compar'aggrazeato.

C. de N. E comme nc'entra chesso lloco?

Seb. Nc'entra ca nce trase. Te preo de venì addo' me primma de te nne ì, e te rumpe la nocella senza manco vedereme?

C. de N. Uh comme staje fetente stammatina! Dimme la veretà, avisse pierz'a la bannefeciata, o t'avesse fatta quacc'ancarella la Nenfa de mogliereta?

Seb. M'a fatto lo canca... auh mo te lo jettava Compare e buono! Tu lo ssaie, ca ì a la bannefeciata no nce ioco, e ntuorn'a moglierema te puo' mettì lengu'addereto, ca fuie fatta Rea co mmico pe la soia spaventosa vertù. Te ll'aggio ritto lo pecche' ncell'aggio co tico.> > ( GIOVANNI FIORILLI - 1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


COSTITUZIONE POLITICA DEL REGNO DELLE DUE SICILIE

Edizione fatta per ordine e sotto la direzione del parlamento -  S A P P I A T E Che il parlamento del regno delle due Sicilie a' decretato le modificazioni alla costituzione politica delle Spagne per adattarla alla monarchia delle due Sicilie. Nel nome di Dio onnipotente PADRE, FIGLIUOLO E SPIRITO SANTO, autore e supremo legislatore della società. In conseguenza degli atti de 7 e de 22 luglio 182o, co' quali fu adottata la costituzione politica della monarchia spagnuola con le modificazioni (salve le basi) che la rappresentanza nazionale costituzionalmente convocata crederebbe di proporre per adattarla alle circostanze particolari del regno delle due Sicilie...> > (1821 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


DUE PAROLE SULLE COSE DI SICILIA

Si e' molto e con ragione gridato contro la capitolazione del cutter Racer. Ma perche' fu fatta? Dovea o né potea o né il gen, Florestano, Pepe, sottoscriverla? Vediamolo. Le di lui giustificazioni mi smentiranno? Tanto meglio per l'onor patrio, Con decreto dei o luglio ultimo il re creo' in Napoli una Giunta provvisoria. Egli promise di consultarla in tutti gli atti del governo, e di pubblicarli di accordo con lei. I ministri ch'ella avesse voce semplicemente consultiva. Ma interprete della nazione la Giunta sostenne che consultar tutto con lei e nulla pubblicare senza il di lei accordo, abbracciava la de liberazione e la esecuzione. Non prima de 19 agosto S. A. R. sciolse il dubbio prescrivendo di dover i ministri deliberar con la Giunta delle cose gravi, prima che queste fosser presentate alla sua risoluzione. > > (ORAZIO DE ATTELLIS - 1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


OSSERVAZIONI SULLA RIFORMADELLE FINANZE E SUI MEZZI DI PROMUOVERE..

AL PARLAMENTO NAZIONALE - Egli era dovere, onorevoli Deputati, di ogni buon cittadino di aiutarvi con tutu'i suoi mezzi nell'alta e difficile impresa di riformare le nostre leggi, e le nostre istituzioni: ma Voi animati da vivo entusiasmo pel ben comune, avete con pubblico e solenne invito rammentato questo sacro dovere. Quindi io, che per adempiervi in parte meditava sulla riforma delle finanze, mi sono affrettato di pubblicar le mie idee su tal importantissimo oggetto, onde corrispondere il meglio che per me si pote' a alle vostre generose premure. Io non presumo gia' di dirvi cose nuove e peregrine; ma tali pero' che non saranno mai abbastanza ripetute fino a che non si vedran per opera vostra rimarginate le profonde piaghe dello Stato.  > > (E. S. - 1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


STORIA DELLA RIVOLUZIONE DI NAPOLI

La rivoluzione che ho deliberato di scrivere occupa nella storia de' politici cangiamenti un posto per quanto singolare altrettanto brillante; e gli avvenimenti che l'hanno accompagnata ci riconducono a' tempi della libera Roma. I nostri piu'lontani nipoti presteranno a stento, credenza ad un fenomeno politico quasiché figlio dello azzardo, nell'atto che ha mostrato le sembianze della piu'solida ponderazione: essi stupiranno davvero, se ci paragoneranno a quello ch'eravamo poco prima dell'avvenimento. > > (BIAGIO GAMBOA 1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


LA SCOLA CUSTETUZIONALE PE LI P I C C I R I L L I SECONDA LEZIONE

Cuorpo de N. LU cielo t'avonna Sebete mio; salute e bene te venga.

Cola... E io te vaso la mano, si Masto mio de core.

Seb... La sciorta ve faccia chiovere ncuollo razie a bezeffie, e cunzulazione cu la pala.

Cic... E io pure faccio l'ubbrecazione mia cu lu masto.

Seb... Beneditte... crescite e murteprecate... ne' simme tutte?  > > (SALVATORE GRASSO -1820 - Napoli) *** eleaml.org -Agosto 2020


LU SEBETO SCETATO DA LU SUONNO CUNNO DISCURZO FATTO DA CHILLO STISSO CHE SCRIVETTE

PRUTESTA - Li cummanne de l'amice de na banna, e l'ubbrecazione de cetadino dall'auta, m'hanno caruliato lu ciereviello chiu'de no juorno, nfine aggio penzato a ttruva' lu muodo cumme fa na fatica contenovata, e pote' da quanno nguanno da' na scuzzunatella a la ggente chiu'gnorante pe mpararele, cumme meglio mme riesce, l'essere dell'ommo, e lu stare nsucietà. Ma gnuno potarra' dicere, pecche' nfi a mo t'aje chiavato la lengua a chillu servizio?.... Sta scartoppola spartuta ndoje jornate, diciarrà, cu la primma le rraggiune meje, cu la seconna lu ntenzione che tengo pe chello che bene appriesso.  > > (1820 - Napoli ) *** eleaml.org -Agosto 2020


MANIFESTO DELLAGIUNTA PROVVISORIA DI GOVERNO AL PARLAMENTO NAZIONALE

Come uomini rivestiti della pubblica autorità, e come depositari della confidenza del popolo, e' nostro debito il rendere conto dell'uso, che abbiam fatto di quella, e del modo onde abbiamo a questa corrisposto. E quantunque potremmo crederci dispensati della necessita' di farlo, per essere felicemente giunti a quel termine, ch'era la meta di tutti i voti, l'unione cioe' della Rappresentanza Nazionale; pur tuttavolta non vogliamo, né farci scudo dell'evento, né fraudare la Nazione della notizia dello stato presente delle nostre cose. L'esposizione di questo dichiarira' molte delle operazioni da noi fatte ed additera' la continuazione e lo sviluppo di molte altre, che la Giunta non ha potuto perfezionare, tra per la' brevita' della sua durata, e per la. natura delle sue precarie, anzi momentanee funzioni.> > (1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


LA COSTITUZIONE SPAGNUOLA ESAMINATA SECONDO I PRINCIPI DELLA RAGIONE

PREFAZIONE - Io presento al pubblico la piu'lunga opera che per quanto mi sappia sia stata scritta siti oggi sulla Costituzione Spagnuola, ed in Italia ed in Francia, (1). La celerita' con cui l'ho composta non mi ha lasciato scelta sul metodo da seguire, ed ho dovuto appigliarmi al più facile, e naturale, accompagnando passo passo quello del testo, e trattando dove l'opportunita' lo richiese qualche argomento necessario a compiere il mio disegno, nel qual modo mi e' accaduto di offrire sotto un aspetto non comunemente guardato non poche delle piu'note quistioni di dritto costituzionale. Non rimanendomi spazio di ricorrere al consiglio degl'intendenti di tali studj ed ai libri, ed essendo io di memoria, indocilissima, non ho potuto corredar il mio scritto di quella. erudizione di cui per altro non e' difficile l'arte di comparir pomposo. > > (CARLO MELE -1821 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


OSSERVAZIONI SULLA RIFORMA DA FARSI ALLA COSTITUZIONE DELLA SPAGNA PER ADATTARLA

SIGNOR CAVALIERE - Se i vostri talenti, e le cognizioni vi hanno fatto meritare la pubblica opinione, e vi fanno esercitare un influenza sui cuori, un dispotismo senza forza, un comando senz'autorità; E se la difesa della liberta' civile, e dei sacri dritti dell'uomo, e del Cittadino, che avete sostenuta nell'esercizio della carica, che occupate, vi danno un dritto alla pubblica riconoscenza, io mi fo un dovere darne un pubblico attestato con que sta mia dedica. Da un altra parte sono si curo, che siccome avete difesa, e sostenuta da libertà civile 2 così difenderete, e sosterrete anche la liberta' politica del Cittadini, e per questo secondo fine, mi sono determinato dedicarvi queste mie Osservazioni sulla riforma da farsi alla Costituzione della Spagna per adattarla al nostro Regno. > > (VITO MORGERA -1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


OSSERVAZIONI SOPRA ALCUNI ARTICOLI PRINCIPALI DELLA COSTITUZIONE SPAGNUOLA

Le nazioni non posson venire in gloria maggiore che quando esse manifestano la loro Volontà, e quando si mostran sollecite di investigar quelle forme solenni che valgono a serbar illesa la di loro volonta' dagli scontri delle passioni e dalle tenebre della ignoranza. La manifestazione della comune volonta' del popolo deriva sempre dal bisogno ch'esso ha di non piu'oltre soffrire uno stato d'oppressione e d'incertezza; quindi questo momento esser dee rapido, terribile, assoluto. > > (1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


VUES POLITIQUES  SUR LES CHANGEMENS A FAIRE A LA CONSTITUTION DE L'ESPAGNE

AVERTISSEMENT - DANS toute l'Europe civilisée, le progre's naturel des lumie'res et de l'industrie a rendu si généralement odieux le gouvernement arbitraire et les inégalités factices, étrange'res a' la liberté, au bonheur social, que les constitutions écrites et représentatives, qui étaient encore, avant 1789, l'heureux privile'ge de quelques territoires, dans les grands États, sont devenus le droit commun des rois et des peuples entiers. Mais tout ce qui sort de la main des hommes se ressent de l'imperfection des auteurs. Soit que des représentants électifs imposent des constitutions aux rois et aux grands, soit que les rois prétendent les octroyer aux nations, le besoin d'améliorer se fait bientôt ressentir plus ou moins généralement. > > (M. LANJUINAIS - 1820 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


CONSIDERAZIONI SUL DECRETO DEL PARLAMENTO DI NAPOLI

La Sicilia dal Dicembre del 1816. al Luglio del 1820., spogliata violentemente della sua Costituzione, cancellala dal rango delle nazioni, ridotta alla miserabile condizione di provincia, offrì all'Europa il triste spettacolo dell'oppressione, e della miseria, compagne inseparabili della perdita della libertà. Spente le orme di tutte le avite istituzioni, che richiamavano alla memoria dei Siciliani il loro essere primiero, delle nuove vi furon sostituite, altre inutili, altre nocive, altre inopportune, e tutte capricciose ed arbitrarie. E se la Sicilia acquisto' in quel tempo un Codice di Leggi piu'regolare, una piu'equa procedura ne' giudizii criminali, e qualche altro vantaggio, tutto cio' per nulla compensava i mali ond'era oppressa e quelle stesse istituzioni degne dei lumi del secolo non eran meno odiose delle altre, perché tutte portavano l'impronta della violenza.> > (NICCOLO' PALMIERI - 1821 - Palermo)  *** eleaml.org -Agosto 2020


POCHE OSSERVAZIONI SULLA MINERVA NAPOLITANA PER L'INDIPENDENZA DELLA SICILIA

Abbiamo letto ne' quaderni X.° e XV.° della Minerva Napolitana una Diatriba sulla indipendenza Siciliana: noi invochiamo il giudizio de Saggi sulla querela che ci divide. Il Redattore della Minerva Napolitana comincia risolutamente affermando nell'artic. 1.° che coloro i quali sono stati Signori dell'isola nostra han finito coll'insignorirsi d'Italia, e quindi esclama nell'ebrezza della boria di cui viene agitato = «ecco la nostra frontiera del mezzogiorno. Se fosse men bella per tutti, se fosse piu'lontana da noi, se potesse difendersi da se stessa, noi non chiederemmo, che la sua federazione. Ma legge suprema di conservazione impone ai due popoli il conservarsi uniti.»   > > (1821 - Palermo)  *** eleaml.org -Agosto 2020


SULLA RIFORMA POLITICA DEL REGNO DI NAPOLI

MIO ORNATISSIMO AMICO - Oppresso da noia più che da cure io non ho potuto finora appagare la vostra curiosità col descrivervi tutto ciò che concerne la politica rigenerazione, di questo Regno. Mille volte ho preso in mano la penna, poiché sentiva il dovere di rispondervi, riguardando specialmente, alla gentilezza o con cui avete voluto mettere a pruova la gratitudine che vi professo;, ma mille volte ho dovuto lacerare il foglio appena vergato di poche linee. Adempio al presente a questo dovere, e speri ro, che la esattezza del racconto, voglia esser presa da voi in compenso della pe ma sofferta in attenderlo.   > > GERARDO SOLAI-BEMBI (1821 - Palermo)  *** eleaml.org -Agosto 2020


MÉMOIRES HISTORIQUES, POLITIQUES ET MILITAIRES SUR LA RÉVOLUTION DU ROYAUME de NAPLES EN 1820 ET 1821

Vingt-trois mois se sont écoulés depuis le renversement du système constitutionnel de Naples. Depuis cette époque, j’ai été l’objet de noires calomnies et de graves imputations; on pourra donc être surpris que j’aie tant tarde à publier ces Mémoires, qui, j’ai m e à croire, contiennent une entière justification de ma cond u ite, en même temps qu’ils offrent des documents qui ne seront pas sans intérêt pour l’histoire. Deux considérations principales m’ont engagé à ce retard: j’ai voulu d’abord que les passions eussent le temps de se calmer, et que l’esprit de parti se fùt affaibli, pour qu’on pût lire cet écrit avec plus d’impartialité.  > > (CARRASCOSA - 1823 - Londres)  *** eleaml.org -Agosto 2020


RISPOSTA DEL GENERALE NUNZIANTE ALL’EX-GENERALE CARASCOSA
E' a me come a molti altri pervenuto tra le mani un opuscolo col titolo di Memoria Storica, Politica e Militare su la tivoluzione di Napoli nel 1820 e 1821,e sii le ragioni che l’hanno prodotta, pubblicato in Londra dall’ex Generale Carascosa pe’ tipi di Treuttel 1823. Tra le tante cose che l’ex Generale ha ingegnosamente prodotte col progetto di difender se stesso, e che il pubblico testimone delle di lui antiche, ed ultime operazioni deciderà in qual conto si debban tenere; si è permesso anche di parlare di me, di parlarne a suo modo, di parlarne in guisa, che potrebbero i lettori, e specialmente gli oltramontani essere indotti a giudicare sinistramente delle mie azioni un affare di tanta conseguenza, ed interesse. > > GENERALE NUNZIANTE (1824 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020
DESCURZE PREDECABBELE COMM'A DICERE SERMONE E PREDECHE A LLENGUA NOSTA

PROLACO - È na vregogna, comme sta dint'a le Prammateche, a no galantommo nobbele esse gnorante, de le cose propeje de lo paese sujo. Accossì nce lassaje scritto pure chillo perzonaggio granne, nobelissemo, e vertoluso de Cicerone. Si non m' aggio jocato le cchiocche, pare a me che sia n'arcissemo rossore all'alletterate, e addotte che sanno la Lecca, e la Mecca, e tanta lengue, de farese na grolia a no ntennere, e cotpeo de manna' a monte chella de lo contuorno loro, e de la chiazza, addo stanno de casa. > > (Saccerdote - 1837 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


ANNALI D'ITALIA DAL 1750 COMPILATI DA A. COPPI
I Sovrani che nel mille ottocento e quattordici avevano scacciato Napoleone dalla Francia, godevano ch'essa fosse ritornata sotto l'antica sua Dinastia. Lusingandosi che fosse in tal modo terminata la rivoluzione, la quale per lo spazio di venticinque anni aveva sconvolto gran parte dell'Europa, limitaronsi a prendere alcune precauzioni per impedire che i Francesi potessero altra volta invadere gli Stati vicini (1). Nell'anno seguente Napoleone mostrossi nuovamente a quella Nazione con novecento uomini, in venti giorni ne trasse a se l'esercito e vi risalì sul Trono. I Collegati in pochi mesi lo scacciarono altra volta (2). > > (COPPI - 1845 - Lucca)  *** eleaml.org -Agosto 2020
SAGGIO STORICO E POLITICO  SULLA COSTITUZIONE DEL REGNO DI SICILIA INFINO AL 1816

INTRODUZIONE - L'opera che diamo alle stampe fu scritta in Sicilia venticinque anni fa. Dopo il congresso di Laybach e la fine prematura delle rivoluzioni di Napoli e di Piemonte, il 24 giugno 1821, si tratto' nella Camera de' Comuni d'Inghilterra di far che il governo britannico procacciasse la ristorazione delle violate liberta' e leggi fondamentali della Sicilia. Messe tal partito lord Guglielmo Bentinck, che n'avea ben d'onde; contrastollo lord Castelreagh, tenendo sempre il sacco a tutti i despoti della terra. > > (1847 - Losanna)  *** eleaml.org -Agosto 2020


MEMORIE DEL REGNO DI NAPOLI RIVOLUZIONE DEL 1820

Io tolga a scrivere le memorie piu'notabili d'una rivoluzione, la quale sarebbe tornata a. piena felicità, di questa mia patria, diletta, se per, avventura passioni svariatissime non avessero te, noto lor vasto e potente; tiranoeggiamento.  Un sorgere di novello ordine civile cagione grandi e fatali abberrazioni, una subita esaltazione di un popolo ardente sempre di libertà, ma intollerante smodato nelle sue voglienze (1) : uomini di sommo. ingegno educati al tramestio delle sventure caduti vittime di un fanatismo settario cresciuto da pochi, avidi ed astuti speculatori runa sapienza, profonda nel Governo... > > (ALESSANDRO DI DOMENICO ANTONELLI - 1848 - Aquila)  *** eleaml.org -Agosto 2020


STORIA DELLA RIVOLUZIONE DI SICILIA NEL 1820

 Correva il quarto anno che il ministro di Napoli era invaso dalla funesta mania d'innovar tutto in Sicilia. La natura delle innovazioni, le circostanze che le aveano accompagnate, il modo con cui s'eran recate ad effetto, la memoria della passata grandezza, la rivalita' nazionale, la condotta ed il linguaggio sprezzante che si tenea in Napoli verso i Siciliani, l'ingiusta preferenza che si dava dal governo ai Napoletani, avean già spinto all'estremo la tolleranza dei Siciliani e portato a perfetta maturita' gli elementi di una conflagrazione generale. > > (NICOLO' PALMIERI CON NOTE CRITICHE DI MICHELE AMARI  - 1848 - Palermo)  *** eleaml.org -Agosto 2020


STORIA DEGLI ITALIANI

Rivoluzioni del 1820 e 21. È d unque Italia rimessa sul piede antico, almeno all'intender di coloro c h e nelle paci si appagano della firma dei re, anziché cercare l'unico stabile fondamento, il rassetto delle idee. Le comuni sventure aveano avvertito i re che, separati dai popoli, restavano preda della prima bufera: i popoli da tante sciagurate prove aveano attinto un vivissimo desiderio della quiete, fino ad immolarle non solo gl'impeti sconsiderati, ma anche parte della dignità; sicché la esultanza onde i principi furono accolti dapertutto, non puo' paragonarsi se non a quella con cui furono dapertutto cacciati nel 1848. > > (CESARE CANTU'  - 1859 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


STORIE SEGRETE DELLE FAMIGLIE REALI MISTERI DELLA VITA INTIMA DEI BORBONI 

Riordinavasi il regno tra l'oscillare de' ministri che or all'antico sistema, or a' nuovi ordini inclinavano, quando udivasi la nuova ad un sol tempo dello sbarco al Pizzo di Gioacchino Murat e della sua crudelissima morte, essendo stato giudicato quale oscuro cospiratore e condannato a morte dagli ufficiali del suo disciolto esercito e fucilalo nel castello nel medesimo giorno. Il principe di Canosa, allora ministro della polizia, tramo' gli inganni, onde avere la desiata vittima e sollecitamente col telegrafo la fece immolare, onde impedire o che la pieta' o l'intervento degli alleati salvassero quell'infelice piu'forsennato, che idoneo a conquistarsi il perduto regno. > > (GIOVANNI LA-CECILIA  - 1859 - Napoli)  *** eleaml.org -Agosto 2020


IL MONDO SECRETO

L'elemento drammatico, quanto piu'ci addentriamo nello studio della vita interna della carboneria, prevale con episodi connessi, di cui niuno potremmo tacere senza mancare al compito nostro, con effetti inattesi e tremendi, con apparato scenico e con scenici terrori. Quel frequente rinnovarsi di scene, ne' particolari mutate, ma nel fondo conformi, in cui si accerta imminente il successo della rivoluzione, e quindi lo si celebra ed applaude accaduto, dovea accendere singolarmente 1 animo ad avverare ne' fatti l'inganno pietoso; dico pietoso, perché a quegli uomini, nell'esistenza reale circuiti da tutte oppressioni... > > (G. DE CASTRO  - 1864 - Milano)  *** eleaml.org -Agosto 2020


STORIA DELLA RIVOLUZIONE DI NAPOLI DEL 1820

Le rivoluzioni per causa di liberta' sono i periodi piu'importanti della storia, e per quanta si possa dire di esse si e' sempre desiderosi di saperne altro. Della memoranda Rivoluzione di Napoli del 1820 non si e' scritto poco, pur tuttavolta non avea una istoria a sé che per lungo e per largo ne avesse narrato le gesta. Il chiarissimo Pietro Colletta ne ha fatto un LIBRO della storia del reame e quantunque esalto pure non soddisfa in taluni fatti, cui forse la dignita' storica di lui non ha creduto discendere; eppero' non e' la storia minuta ed isolata di quella Rivoluzione. Altri ne hanno ancora scritto; ma chi per propria difesa, chi per tramandare alla posterita' i soli moti della rivolta, chi per entrare in grazia de'  Borboni e degli uomini tenuti in alto da' medesimi. > > (COMPILATA DA N. C.  - 1864 - Milano)  *** eleaml.org -Agosto 2020


UN DECENNIO DI CARBONERIA IN SICILIA (1821-1831)

È questo il primo tentativo di una storia della Carboneria in Sicilia. Finora sull'argomento non avevamo che degli scarsi accenni nelle note opere del Paterno'-Castello, del Palmieri, del Torre Arsa ecc. Ai nostri giorni invero studiosi valenti, che saranno debitamente ricordati nel corso del nostro lavoro, senza trattar mai di proposito la questione, hanno scritto pregevoli pagine sulla Carboneria siciliana, illustrandone questo o quel lato; ma tuttavia, osiamo affermarlo, l'argomento si presentava come completamente nuovo e non iscevro certo di qualche difficoltà. Nei giornali del tempo infatti, mentre non mancano notizie circa le cospirazioni settarie napoletane, pel periodo da noi studiato, non trovasi quasi alcun riferimento a fatti politici di Sicilia. > > (VALENTINO LABATE  - 1904 - Milano Roma)  *** eleaml.org -Agosto 2020


LETTERE NAPOLITANE - Social Science Review of London

Mettiamo a disposizione di amici e naviganti il testo - in inglese e nella traduzione italiana coeva - pubblicato nel 1865 dalla Social Science Review of London - in cui si contestano le asserzioni contenute ne le LETTRES NAPOLITAINESh di Pietro Calaf Ulloa che stavano avendo una profonda eco in tutta Europa. > >  Social Science Review (1865 - London) *** eleaml.org -Dicembre 2019


Le condizioni del Regno delle Due Sicilie considerate nel parlamento di Torino da’ deputati delle provincie meridionali

Un illustre letterata francese, venti anni innanzi la rivoluzione, che conquassò la sua nazione, e tutta. Europa, pronunziava, che verrebbe tempo, in cui le parole significherebbero cose affatto contrarie a quelle, che significavano prima; che allora le azioni produrrebbero effetto del tutto opposto a quello, che doveano produrre, vale dire, che allora chi predicherà il licenzioso libertinaggio sarà creduto predicare la subordinazione, e mentre si armerà il forte contro il debole, e il furbo contro l'onesto uomo, si griderà VIVA LA GIUSTIZIA; e mentre si scompiglierà tutto sossopra, e si aprirà la porta a tutti i vizi, dando coraggio a tutti i viziosi, mentre si spezzeranno tutti i vincoli di società, allora per le piazze si griderà ad alla voce - Ecco finalmente il rinascimento de’ popoli!... ecco l’epoca fortunata, in cui, gli uomini incominceranno ad essere veramente felici!  > >  [Francesco Durelli] (1862) - eleaml.org - Ottobre 2019


La politica inglese e francese in Sicilia negli anni 1848-1849

La Sicilia, che in gennaro 1848, senza danari, senza armi, senza capi, avea scacciato l’armata dei Borbone, perché mai dopo un periodo di sedici mesi, quando il potere era già tutto nelle mani del governo rivoluzionario, quando l’isola intiera era impegnata al politico rivolgimento, e vi era moralmente e materialmente interessata, quando tutte le posizioni militari occupate erano dalle truppe degl’insorti, quando non doveasi difetto patire né di danaro, né di armi, né di nomini, quando Un soccorso di volontari francesi era in sua difesa accorso, la si lasciò, quasi senza resistenza, vincerò dall’armata borbonica?   >> Vito Ragona (1853) - eleaml.org - Ottobre 2019


THE INEXPRESSIBLES ovvero lo sbarco di Marsala secondo La Patrie

«On se souvient qu’un officier anglais qui avait oublié ses inexpressibles à terre fut cause que des vapeurs napolitains ne purent canonner le petit bâtiment de Garibaldi.» Questo si leggeva ne La Patrie del 19 agosto 1861 - praticamente una versione francese dello sbarco dei Mille ! Il riferimento all’articolo de “La Patrie” contenuto ne “La Civiltà cattolica 1861, Volume XI, Serie Quarta” lo pubblicammo diversi anni fa, nel lontano giugno 2009.  >> Zenone di Elea - 20 luglio 2019


IL SOLE e IL PARLAMENTO due giornali nella Napoli luogotenenziale

Possiamo fare tutte le recriminazioni possibili sui guasti della piemontesizzazione ma un fatto è certo: il governo moderato si trovò a lottare contro delle opposizioni formidabili e la sua azione fu continuamente ostacolata. Non è giustificazionismo ma solo una presa d’atto della realtà, poi si possono fare tutte le considerazioni critiche sulle luogotenenze, sulle consorterie e chi più ne ha più ne metta..  >> Zenone di Elea - 20 luglio 2019   


RAGGUAGLI STORICI SUL  REGNO DELLE DUE SICILIE

Non si può affermare di conoscere la storia del Regno delle Due Sicilie se si ignorano opere come questa di Gennaro Marulli (vi invitiamo a leggere le note biografiche pubblicate sul sito dei Comitati Due Sicilie). Soprattutto la storia del periodo francese, della riconquista del continente da parte di Fabrizio Ruffo e della opposizione antifrancese delle Calabrie, dove il più potente esercito del mondo ebbe filo da torcere in una guerriglia che anticipò di qualche anno quella spagnola. >> 1845 Gennaro Marulli - eleaml.org - luglio 2019


LA BASILICATA di Enrico Pani Rossi

Le parole di Enrico Pani Rossi mi hanno riportato alla memoria gli anni Settanta, una contrada di Polla, all’imbocco del Vallo di Diano, dove mio zio mi raccontava che ogni volta che preparava i solchi per l’orto riaffioravano oggetti o pezzi di oggetti antichi, in genere vasellame. Ovviamente io ero scettico e andai di persona a smuovere la terra in vari punti tra i solchi ed era proprio vero - era impressionante la quantità di frammenti presenti. >> Zenone di Elea - luglio 2019


Il Marchese Generale Nunziante contro gli scorridori di campagna

Pubblichiamo le pagine del giornale militare L’ARALDO sulla repressione del brigantaggio in Calabria, negli anni cinquanta dell’Ottocento, da parte del Marchese Generale Nunziante. Tra le misure eccezionali che il Marchese mise in atto ci furono l’arresto dei parenti dei briganti e la legge del taglione ovvero ricompense a coloro i quali consegnavano o denunciavano i malfattori. Si possono dare diverse letture di questa dura lotta al brigantaggio da parte del governo borbonico.  >> 1850 L'ARALDO - eleaml.org - luglio 2019


Correspondence respecting Southern Italy

I HAVE the honour to report to your Lordship that this country continues tranquil, and the prospects of commerce for the new year appear favourable. The produce of olive oil, the principal and most valuable export from these provinces, is now ascertained to have been, generally, extremely abundant and of good quality. There is some discontent that the duty on the exportation of this oil from the Neapolitan provinces is retained, as in other parts of Italy olive oil is not subject to such export duty, but the impost is of old, date, and the revenue from it is so large that it has probably been found unadvisable to give it up at onoe. >> Houses of Parliament 1862 - eleaml.org Ottobre 2018


FACITE AMMUINA SABAUDO 

Districarsi fra vero, verosimile e falso è veramente arduo - tanto più in rete dove, spesso, le affermazioni cono corroborate di cosiddette prove oppure sorrette da prove presenti in altri siti o provenienti da altri siti - e non sempre risulta facile effettuare delle verifiche. Mi è sorta la voglia di scrivere su un luogo comune molto diffuso fra intellettuali e accademici leggendo “Cenni sul brigantaggio ricordi di un antico bersagliere, 1897 ” >> Zenone di Elea - 17 Settembre 2018


La quarta Calabria

Le Calabrie, com’è noto, erano tre: la Calabria Citeriore, l’Ulteriore Prima e l’Ulteriore seconda e coincidevano, grosso modo, con le tre storiche province di Cosenza, Catanzaro e Reggio Calabria. Non ricordo chi, aggiungeva, tra il serio ed il faceto, che c’era una quarta Calabria: la Calabria Deteriore! La notazione veniva lasciata volutamente in sospeso né, credo, sia mai stata identificata la parte di territorio regionale cui attribuire tale denominazione. Poteva essere, quindi, di volta in volta, individuata questa o quell’area della regione a seconda dell’estro di chi voleva servirsi di questo strano toponimo. Nel romanzo di Pantaleone Sergi, al suo esordio letterario, l’immaginario paese di Mambrici, più che al Macondo di Garcia Marquez, troppo distante e troppo diverso, appartiene a questa “quarta” Calabria.   >> Antonio Orlando - 26 Settembre 2017


IL SOLDATO NAPOLITANO O DA NAPOLI A GAETA

Soldati, e napolitani, noi sentimmo da gran pezza il debito di narrare le cose della guerra occorse innanzi agli occhi nostri dal maggio dell'anno 1859 al febbraio del 1864. Ci parve storia feconda di casi strani ed inauditi di eroismo e di vigliaccheria, di lealtà commendevole e di fede antica alla religione de' giuramenti, di slealtà contennenda e di tradigioni codarde di venderecci, di arroganze giuridiche e di negazione del giure, di macelli, di arsioni, di smantellamenti e mine in nome di una patria comune, e di miseri fatti di più miseri uomini di parte, i quali dal fratricidio ostentarono di trarre virtù a rifarla, e poi inverecondamente chiarirono cui loro credè per essi Italia non fosse altro che il proprio ventricolo. >> SALVATORE ROMANO, 1869 - eleaml.org Agosto 2017


Il Sud è mafia - intervento di Nicola Zitara

[...] Ecco, questo è il quadro italiano, e in questo quadro che l’Italia ha imposto al Sud veniamo a parlare della mafia. La mafia che io ricordo, non della mafia dei libri e delle stupidaggini che ci vengono a raccontare alcuni sbarbatelli che hanno letto a loro volta della mafia o che ci viene a raccontare un’anima non candida come quella di Giorgio Bocca, o giornalisti di mezza tacca come il nostro compaesano che scrive per la Repubblica che logicamente fa una scelta di campo.Il problema: che mafia ho visto io? Prima della guerra, del 1940, ho visto la mafia con le toppe al culo che si riteneva felice se riusciva a fare la guardiania degli agrumi e dell’acqua. Acqua e agrumi sono intimamente connesse. [...] >> Reggio Calabria - Radio Radicale 1990 - trascrizione a cura di eleaml.org - 29 Luglio 2017


Una certa idea della Calabria di Antonio Orlando

Due romanzi di Mimmo Gangemi che - credo - sia già scrittore abbastanza affermato, conosciuto ed apprezzato anche al di fuori della “nostra” Calabria, mi offrono lo spunto per parlare della nostra regione. Forse dovrei ulteriormente circoscrivere l’ambito del quale intendo trattare e ridurlo alla sola provincia di Reggio, che oggi pomposamente, quanto vanamente, si fregia del titolo di “città metropolitana”. Le Calabrie continuano ad essere diverse e l’antico solco che separava le varie parti di questo estremo lembo della penisola, si è ulteriormente accentuato per cui l’unità istituzionale è solo una copertura amministrativa. Non penso, quindi, che il discorso possa essere generalizzato ed esteso automaticamente ad altre  aree della regione nonostante esso tragga spunto da storie tipicamente calabresi. >> Antonio Orlando - 2 Giugno 2017


IIl Municipio di Milano e quello di Napoli

La Perseveranza di Milano contiene un articolo, nel quale è fatta una lunga enumerazione delle opere compiute da quel municipio in breve tempo, o che sono in via di compimento. Sono state fatte nuove vie o allargate quelle, ch'erano o parevano troppo anguste: Si è data luce, aria ed alberi alle antiche: Si sono costruite nuove piazze, aperti altri mercati ed un grande macello: Distrutti i vecchi edifizii, ch'erano incompatibili colla decenza e col lustro, al quale s'intende ridurre quella magnifica città: >> IL PUNGOLO, Aprile 1862 - eleaml.org 11 Maggio 2017


Great Britain Paper Correspondence Despatch relating to the Southern of Italy

Dedichiamo questa raccolta - in progress, nel senso che aggiungeremo nel tempo altre pagine - a chi continua a sostenere che gli interessi inglesi erano ben altri, lontani, nelle Indie, e che affermare il contrario è puro complottismo neoborbonico. Queste carte, peraltro molte delle quali ufficiali in quanto presentate alle Camere (Presented to both Houses of Parliament by Command of Her Majesty), mostrano come gli Inglesi monitorassero costantemente la situazione della penisola italica. >> Zenone di Elea - eleaml.org 14 Aprile 2017


Contributo per la comprensione delle cause dell’aumento crescente del debito pubblico in Italia

Secondo l’ultimo Rapporto della Banca d’Italia del dicembre 2016, il debito pubblico risale a 2.223 miliardi di euro. Bankitalia rileva un aumento di 11,2 miliardi di euro a ottobre, dopo il calo di settembre. A crescere sono le amministrazioni centrali, per quelle locali si registra invece un calo di 1,1 miliardi.  L'incremento è dovuto all'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro per 8,4 miliardi, a 47,7 miliardi (erano pari a 81,7 miliardi alla fine di ottobre del 2015), e al fabbisogno mensile delle Amministrazioni pubbliche (2,9 miliardi). In senso opposto ha operato l'effetto complessivo degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione del cambio dell'euro (0,2 miliardi). >> Antonio Orlando - 4 Marzo 2017


Definire il post-italiano - Tentativi di superamento dell’orizzonte nazionale italiano nel Mezzogiorno

In obiezione alla definizione di «tesi ‘anti-italiana’» proposta da Ernesto Galli Della Loggia, in questo lavoro propongo la categoria di «post-italiano» per descrivere la necessità meridionale di ripensare l’orizzonte nazionale italiano alla luce del divario Nord-Sud che caratterizza il paese. Mi concentrerò su episodi di insubordinazione al monologismo della nazione italiana nel tentativo di far luce sul congiunto di discorsi, manifestazioni e aspirazioni che caratterizza il post-italiano, che verrà qui indicato come avanguardia nel panorama politico-culturale nazionale, nonché proposta autenticamente creativa di liberazione dal, o riconfigurazione del, «colosso» nazionale italiano. >> Marcello Messina - 20 Gennaio 2016


Sud, non ci fu nessun genocidio

Purtroppo negli ultimi anni la riscoperta della storia e dell’identità del Sud è sfociata spesso in un revisionismo spicciolo che ha già generato clamorose bufale da quella delle “Due Sicilie terza potenza mondiale” al “lager di Fenestrelle” sino all’esaltazione di un bidet di Maria Carolina come simbolo del progresso civile nel Reame di Napoli ed a mostre su Carlo di Borbone piene di strafalcioni sulla sua ascesa al trono di Spagna o sugli usi civici. Il libro “Carnefici” di Pino Aprile si inserisce in questo filone e scegliamo di parlarne come esempio di quel revisionismo che non ci piace e che non fa bene al Sud perché non documentato ed astioso. I due più grandi difetti di questa pubblicazione infatti sono l’assenza di fonti adeguate e l’intreccio continuo di lamentele e rancori. >> Angelo D’Ambra - by historiaregni, luglio 10, 2016 - eleaml 11 luglio 2016


Le voci della fogna

Giorno e notte, fra il silenzio e i clamori, crescono e si allargano spaventosamente sinistre. Il processo, che da un mese si trascina nell'aula delle Assisie di Milano, non è, per quanto lo sembri, un processo d’omicidio vi fu un morto illustre per grado, e la morte fece di lui un segnacolo di vendetta per la sua famiglia, un labaro di rivolta per tutte le coscienze. >> Alfredo Oriani (Il Giorno - 8 Gennaio 1900) - 6 luglio 2016


UNA VISIONE DELL'ULTIMA NAPOLI BORBONICA

Gli Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti, opera diretta da Francesco de Bourcard (1), sona un magnifico libro, che mi meraviglio di non veder lodato e celebrato e ricercato come si dovrebbe, e che forse adesso comincerà a svegliare intorno a se questi meritati sentimenti, adesso che, come tanti altri libri, - dopo la rarefazione bibliopolica prodotta dalla guerra, - è diventato prezioso e quasi introvabile. >> Benedetto Croce (1922) - eleaml.org 29 dicembre 2015


Documento inedito circa la lealtà di Vittorio Emmanuele II, e le spese fatte per la conquista della Sicilia

La commedia raccontata al popolo del Garibaldi che conquista il Regno delle Due Sicilie contando su mille invincibili eroi è una bufala che non ha fondamento. Sia Vittorio Emanuele che Cavour direttamente o indirettamente lo appoggiarono. Con uomini, soldi e armi. Vittorio Emanuele i milioni li diede al Bertani. >> Civiltà Cattolica 1881 -  eleaml.org - Agosto 2015


Siamo ancora una “questione”?

Ho letto con molto interesse (come sempre, del resto) l’articolo di Zenone d’Elea “Uscire dalle secche del Neoborbonismo e del Neomeridionalismo”, e vorrei fare qualche osservazione in nome della comune amicizia che ci legava al compianto Nicola Zitara. Non credo che le opzioni attualmente in campo possano essere quelle del “neoborbonismo” da una parte e del “neomeridionalismo” - di qualunque stampo si voglia - dall’altro. Messa in questi termini la “questione” (l’aggettivo mi rifiuto categoricamente di aggiungercelo e tenterò di spiegare perché) è irrisolvibile, non ha soluzioni. Il tertium che aleggia sembra quasi un ineluttabile destino di separazioni, divisioni, frammentazioni che non possono fare altro che rendere ancor più intricata e complicata la situazione dell’Europa mediterranea.  >> Antonio Orlando - 14 Luglio 2015


IL GUELFO GIORNALE DE L’INDIPENDENZA MERIDIONALE

Esiste un fiume carsico che attraversa i decenni che seguono la fine del Regno ed arriva fino a noi. È l’aspirazione a tornare indipendenti dopo i lutti e le delusioni che accompagnano la nascita dello stato italiano. Un amico di Molfetta mi chiedeva come mai la sinistra non fosse per niente sensibile (se si escludono Zitara e qualche altro) a questa aspirazione e la si lasciasse come monopolio della destra. La unificazione fu gestita da forze legate alla massoneria inglese e francese, parte della classe dirigente fedele alla dinastia prese la via dell’esilio, altri si ritrassero nell’ombra. Con la presa di Roma anche la chiesa fu messa all’angolo. I custodi del ricordo del Reame furono quindi frange tradizionaliste e cattoliche. >> Zenone di Elea - 30 Maggio 2015


La Nazione Napoletana - Febbraio 1993 - numero zero

Pubblichiamo il Numero Zero del foglio LA NAZIONE NAPOLETANA, giornale fondato a Napoli nel febbraio del 1993, ben sei mesi prima della nascita del Movimento Neoborbonico (risalente al settembre 1993, secondo quanto documentato da Gigi di Fiore nella sua recente pubblicazione, “LA NAZIONE NAPOLETANA”, UTET 2015). >> Zenone di Elea - 9 Maggio 2015


THE FINANCES OF ITALY.

NOTHING is more difficult than to form an adequate idea of the financial situation of a country which, like Italy, is only just beginning to estimate correctly her true responsibilities and resources. We know in a general way that Signor Sella wishes to raise over and above the taxation of the country 25,000,000 sterling within the year, - 8,000,000 by the sale of State railways, and 17,000,000 by loan. >> THE ECONOMIST 15 APRILE 1865 - eleaml.org 25 Ottobre 2014


In Crimea nacque l’Italiella

Come ai tempi del tessitore oriente e occidente si fronteggiano in Crimea, dove migliaia di miliziani filorussi e di soldati russi  si preparano a impedire che tutta l’Ucraina finisca nell’orbita europea. >> Zenone di Elea - 1° Marzo 2014


Mezzogiorno e Mediterraneo

E' innegabile che gli sviluppi, economici e sociali, avvenuti in Nord Africa e nell'Europa meridionale negli ultimi anni abbiano rimesso in luce l'importanza che il Mediterraneo riveste dal punto di vista geopolitico. La cosiddetta primavera araba, che ha coinvolto principalmente Egitto, Libia e Tunisia; la spirale economica negativa che ha implicato la Grecia; la tentata aggressione alla Siria sembrano confermare che, nonostante il rapido sviluppo di Paesi come il Brasile, la Cina, l'India, non spetti solo ed esclusivamente all'Oceano Pacifico il ruolo di terreno da battaglia su cui verranno decise le prossime sfide a livello internazionale. >> Antonio Aventaggiato · 29 gennaio 2014


IL SISTEMA PROTEZIONISTA DELLE DUE SICILIE

Il dogma risorgimentale del Sud preunitario arretrato e privo di un sistema capitalistico è stato oggetto di una serie di confutazioni ben argomentate da Nicola Zitara, il quale dedica i primi due capitoli del suo libro 'L'invenzione del Mezzogiorno' a lavoro, produzione e mercato negli ex Stati prima dell'espansione sabauda. Ora, confermata la tesi revisionista che ha dovuto faticare non poco per pervadere il pensiero dominante, si è passati con il giustificare l'esistenza di queste produzioni con la presenza di un sistema di protezione che a detta degli storici sarebbe stato un fattore di debolezza dell'economia meridionale. >> Alfonso Pergolesi - 26 febbraio 2012


Alzare le vele della separazione

Il Sud sta vivendo una situazione non sostenibile più a lungo. In effetti la demarcazione tra le due parti del paese italiano si fa sempre più pronunziata. Il reddito meridionale (quello effettivo, più di quello statistico) si è afflosciato al punto da far dire che il costo della vita al Sud è inferiore del 15% rispetto al Nord. >> Nicola Zitara - FORA 30/06//2010


PER NON FARCI PRENDERE DAL PANICO ED EVITARE IL SONNO DELLA RAGIONE

Fondazione GIMBE - Utilizzo delle mascherine negli ambienti pubblici per ridurre il contagio da SARS-COV-2

5LB-Magazine-Coronavirus: l'impatto della psicosi sociale sulla crisi degli ospedali

Sanitàitaliana a confronto con la Germania sul Coronavirus, dati choc

2007 - Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus as an Agent of Emerging and Reemerging Infection

DECRETO LEGISLATIVO 2 gennaio 2018, n. 1 - Codice della protezione civile. (18G00011) (GU n.17 del 22-01-2018)

DELIBERA CONSIGLIO DEI MINISTRI 31 genn. 2020 - Dichiarazione dello stato di emergenza (20A00737) (GU n.26 del 01-02-2020)

Coronavirus: l'Italia dichiara lo stato di emergenza per 6 mesi - https://www.altalex.com/

BALDASSARRE SUI DPCM UNO SOLO AL POTERE, VI SEMBRA CONFORME A QUANTO DETTO DAI PADRI COSTITUENTI?

COVID-19 Italia - Repository ufficiale del Dipartimento della Protezione Civile Italiana

Coronavirus: modelli basati su dati statistici - La conoscenza ci difende dalla paura

La tremendissima lezione del Covid-19 (anche) ai giuristi -http://www.questionegiustizia.it/

RADIO RADICALE - 19 Marzo 2020 - Emergenza coronavirus: Parlamento chiuso... - Intervista a Giovanni Maria Flick

Gli Istituti dell'emergenza nell'Ordinamento Costituzionale Italiano-http://www.poliziaedemocrazia.it/

Orientamenti dottrinali e precedenti parlamentari in tema di regimi di emergenza-https://bpr.camera.it/

POTERI EMERGENZIALI E DEROGHE AL PRINCIPIO DI LEGALITA' - Convegno - https://www.cortecostituzionale.it/

La manipolazione Linguistica - tecniche e strategie


Nicola mi chiese diverse volte di cercare un testo di Samir Amin in cui si parlava di lui - l'ho sempre cercato ma non non sono mai riuscito a trovarlo in rete. Poi un giorno, per caso, mi imbattei in questo documento della https://www.persee.fr/ e mi resi conto che era sicuramente quello che mi era stato chiesto. Peccato, Nicola ne sarebbe stato molto felice. Lo passai ad alcuni amici, ora metto il link permanente sulle pagine del sito eleaml.org - Buona lettura!

Le développement inégal et la question nationale (Samir Amin)



Gli spazi youtube dedicati alla nostra storia

Gli spazi Radio e TV dedicati alla nostra storia

Gli spazi facebook dedicati alla nostra storia


La nostra bandiera è candida, non nera nè rossa. (FDV, 23 febbraio 2006)
L'mpa raccoglierà qualcosa, perchè quando i frutti son maturi qualcuno dall'albero
cade, ma tanti ne resteranno ancora sull'albero. (FDV, 23 febbraio 2006)
Il tempo dirà tutto alla posterità. E’ un chiacchierone, e per parlare
non ha bisogno di essere interrogato. (Frammento, Euripide)
Il disprezzo del passato o è ignoranza o è paura. (Ugo Ojetti)
Tutte le verità attraversano tre fasi: prima le si mette in ridicolo, poi vengono attaccate
violentemente, e infine vengono accettate come ovvie. (A. Schopenhauer)




Tor - Protect your privacy


Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.